Sempre di più, il mondo della Maglieria diventa protagonista di importanti passerelle dell’Alta Moda grazie alla continua ricerca ed evoluzione – soprattutto dal punto di vista tecnologico – nella smacchinatura, nel finissaggio e nella manutenzione. Ecco la nostra miniguida per saperne di più

.

Dall’invenzione del telaio, la Maglieria – prodotta su macchine rettilinee e su macchine circolari – di strada ne ha fatta e continuerà a farne. Nelle macchine sia rettilinee sia circolari per maglieria in trama, gli aghi (disposti nel primo caso su una linea retta, nel secondo caso in una circonferenza) si muovono individualmente e sono in grado di prendere il filo in modo automatico [vedi Technofashion dicembre 2023, pag. 54].

Le macchine rettilinee e circolari si differenziano anche per la finezza, ossia il numero degli aghi per pollice, che varia a seconda delle esigenze di produzione; oggi vi è, in media, un’evoluzione verso finezze sempre più elevate (Fig. 1).

1. Macchina circolare

.

TECNICHE PER REALIZZARE CAPI A MAGLIA

MAGLIERIA RETTILINEA

Le macchine per maglieria rettilinea creano teli di tessuto “piano”, che viene poi tagliato in pannelli separati per ciascuna parte del capo (un pannello anteriore, uno posteriore, due maniche) (Fig. 2). I pezzi così ottenuti vengono poi cuciti insieme con macchine da cucire industriali per confezionare il prodotto finito.

Si tratta di un metodo che richiede meno attrezzature rispetto al lavoro a maglia completamente modellato, ma produce cuciture che possono essere ingombranti o far sì che l’indumento non si adatti bene all’indosso.

2. CUT SEW da rettilinea

VANTAGGI

  1. Velocità e facilità nella creazione della tela di maglia.
  2. Facilità nell’assemblaggio e nella successiva creazione del capo.
  3. Possibilità di assemblare tra loro parti totalmente diverse create anche con processi differenti.

CRITICITÀ

  1. Il pezzo realizzato deve poi essere tagliato e cucito (anche per bloccare le maglie dallo sfilarsi).
  2. Lo spreco di materiale durante i processi di taglio si avvicina al 30%.
  3. Le cuciture spesso risultano abbastanza grosse ed evidenti.

MAGLIERIA CIRCOLARE

Le macchine per maglieria circolari (Fig. 3) sono utilizzate per produrre vari tipi di tessuti tubolari che richiedono un’ulteriore fase di taglio (sebbene in genere inferiore rispetto alla rettilinea) e assemblaggio del capo.

3. CUT SEW senza cuciture

VANTAGGI

  1. Versatilità: la macchina per maglieria circolare può produrre tessuti semplici, a coste, piqué e altri. Questa adattabilità è ideale per dare vita a vari tipi di indumenti come magliette, abiti e abbigliamento sportivo.
  2. Convenienza: queste macchine sono in grado di produrre ad alta velocità; inoltre, le maglie circolari tendono ad avere eccellenti proprietà di elasticità e recupero, migliorando la vestibilità e la durata degli indumenti.
  3. Scalabilità: la macchina per maglieria circolare può essere dotata di più alimentatori di filo, in modo da produrre disegni complessi con diversi colori di filato. Questa scalabilità è particolarmente vantaggiosa per la creazione di modelli complessi o tessuti a maglia jacquard.

MAGLIERIA CALATA O 'FULLY FASHION'

Questa tipologia comprende capi in maglia che sono modellati con calature sulle maniche, sull’orlo o sul collo, secondo le necessità stilistiche. Le parti che compongono la maglia escono dalle macchine già con la loro forma già definitiva (Fig. 4); ogni parte viene realizzata esattamente della misura necessaria alla creazione della maglia.

4. Maglieria calata o “fully fashion”

In maglieria calata si realizzano teli già sagomati nella forma richiesta in confezione: la parola “calatura” deriva dal fatto che gli aghi della macchina da maglieria vengono calati per creare curve e giri nella trama (come il giro collo e il giro manica) in punti dove altrimenti sarebbe possibile solo proseguire in modo rettilineo, creando pezzi in maglia rettangolari.

La calatura genera punti precisi, che rifiniscono il capo e sono facilmente individuabili nelle zone che – a seconda della forma prevista dal modello – devono essere realizzate con delle curvature: ad esempio, come dcevamo, il giro collo in base alla forma della scollatura e il giro manica in base alla struttura della stessa (Fig. 5A+5B).

I vari pezzi già sagomati con la calatura vengono assemblati mediante il rimaglio (Fig. 6): consiste nell’unire le parti – precedentemente smacchinate – tramite un’unica cucitura che prende ogni singolo punto della maglia utilizzando una “macchina a puntino”.

VANTAGGI

  1. Estetico e funzionale: i capi completamente modellati sono molto comodi e hanno un aspetto migliore grazie a cuciture più piatte (nessuna cucitura nodosa sulla spalla o intorno alla vita). Questi indumenti inoltre tendono a mantenere meglio la loro forma, grazie ai punti speciali e agli occhielli utilizzati per unire insieme i diversi pezzi di maglia.
  2. Possibilità di muovere liberamente il corpo. In genere, le cuciture riducono l’elasticità e il movimento di un capo di abbigliamento; in questo caso, invece, le cuciture piatte non influenzano né limitano i movimenti del corpo come nei capi tagliati e cuciti.
  3. Morbidezza e comodità: nessun punto/cucitura ingombrante e irritante.
  4. Zero waste: i pezzi sono già della forma necessaria a confezionare il capo, quindi non c’è bisogno di tagliare il telo e non si crea quali alcuno scarto.
  5. Risparmio nei tempi e nei costi di produzione, anche grazie alla riduzione al minimo o eliminazione dei processi di taglio e cucito.
  6. Consumo di filato minimo.
  7. Maggiore qualità percepita e durabilità effettiva del capo.
  8. Risposta rapida in caso sia necessario effettuare modifiche di dimensioni e modelli.

CRITICITÀ

Programmare la macchina e i punti in modo da non far risultare difetti richiede un elevato know-how tecnico.

6. Rimaglio

MAGLIERIA A CAPO INTEGRALE O 'WHOLEGARMENT'

Per la maglia a capo integrale, chiamata anche “Wholegarment”, la versatilità è un attributo chiave che consente la produzione per intero di svariate tipologie di capi ed effetti: da maglie semplici e a coste, ad elaborati motivi jacquard e a intarsio. Il capo scende dalla macchina già completamente formato.

VANTAGGI

  1. Le macchine eccellono in termini di precisione, garantendo uniformità e coerenza nella produzione.
  2. La maglieria wholegarment progettata digitalmente, e realizzata in autonomia dalla macchina, è in grado di assicurare un alto livello di ripetibilità nella produzione.
  3. Per lo stesso motivo di cui sopra, si riduce al minimo il lavoro manuale e il potenziale errore umano.
  4. L’assenza di cuciture consente di realizzare capi dalla vestibilità comoda ed elastica, e intrecci e disegni senza interruzioni.

CRITICITÀ

Il tecnico non solo deve avere conoscenze relative alla programmazione e al linguaggio macchina: deve anche essere esperto nell’uso dei filati da maglieria per saper sfruttare in modo adeguato le possibilità di questa tecnologia, e possedere specifiche abilità nel trasporre a computer il disegno maglieristico per realizzare il capo.

TAGLIA CUCICALATACAPO INTEGRALE
 Perdita di tessuto 30-40% con scarto di taglioPerdita di tessuto 6% per collegamentoNessuna perdita di tessuto
Confronto degli scarti per ciascun metodo di produzione

.

Prosegui la lettura!

L’articolo continua con:

1. Finissagio dei capi a maglia

  • Follatura: trattamento ad acqua, trattamento a secco, doppio trattamento
  • Trattamento Wet&Dry
  • Trattamento siliconico
  • Bagno di rientro e ammorbidimento
  • Interventi enzimatici

2. Manutenzione dei capi a maglia

Sei abbonato a Technofashion? Leggi l’articolo completo su TCF febbraio 2024

Non sei abbonato alla rivista Technofashion? Richiedi gratuitamente l’articolo completo