RepAir, t-shirt made in Italy che pulisce l’aria

Rep-air

È made in Italy la prima t-shirt in grado di pulire l’aria intorno a chi la indossa. Si tratta di RepAir,  una maglia unisex in cotone nata dall’idea di due ragazzi piemontesi, Marco Lo Greco e Silvio Perucca.

“Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se una potesse pulire l’aria?” Da questa domanda è partita la loro startup Kloters, lavorando fino a creare il sorprendente risultato. La maglietta non solo è realizzata con criteri che rispettano l’ambiente, ma agisce attivamente in modo benefico sull’ambiente che la circonda riuscendo a purificare le emissioni prodotte in un anno da due automobili. Questo senza ricorrere ad alimentazione elettrica esterna, ma servendosi di un tessuto con proprietà battericide, antimuffa e anti-odore.

Come funziona RepAir

RepAir lavora grazie a una speciale tasca contenente un inserto di un inserto di The Breath, un materiale brevettato dalla società Anemotech: un tessuto idrorepellente con struttura a triplice strato che non si limita a coprire o mitigare cattivi odori, ma è in grado di assorbire e disgregare sostanze inquinanti e batteri.

Lo strato centrale è l’anima della tecnologia, formata da una mesh carboniosa su un substrato di poliestere, rimescolato con nano molecole attive. La sua funzione principale è di adsorbire gli inquinanti nelle fasi gassose, rendendo l’aria più pulita e respirabile.

Il lato frontale e quello posteriore sono composti da una mesh di filati, ottenuta da miscele di nano tecnologie. Il loro compito è quello di filtrare l’aria durante il suo naturale ricircolo e trattenere la carica batterica presente, riducendo la concentrazione di batteri. I due layer possono essere stampati con un sistema automatizzato che impiega un inchiostro ad acqua ecologico per la colorazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here