di Avv. Gianluigi Fioriglio – Avv. Cristina Brilli
www.fclex.it

L’industria della moda ha sempre più bisogno di idee originali che siano in grado di soddisfare il continuo sviluppo delle richieste del mercato. È quindi ormai una prassi estremamente comune quella di trovare in società giovani, portatrici di novità e di tecnologia, le idee indispensabili per la creazione di nuovi prodotti e per la fornitura di nuovi servizi in linea con le esigenze degli utenti.

È in questo modo che le startup innovative sono diventate negli ultimi anni una delle principali risorse e fonti di sviluppo e di progresso anche per le più importanti e consolidate aziende del settore manifatturiero, della moda e del make-up.

Giurisprudenza italiana, tutele e incentivi

La figura giuridica delle Startup innovative, quali imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, è stata introdotta nel nostro paese nel 2012 dal cosiddetto “Decreto Crescita 2.0” (D.L. n. 179/2012, convertito con L. n. 221/2012) ed è stata rafforzata in questi anni con la disposizione di particolari programmi di sostegno, primo tra tutti quello delle agevolazioni e degli incentivi fiscali.

La disciplina giuridica predisposta per queste particolari aziende vuole tutelare innanzitutto il mondo dell’imprenditoria giovanile e promuovere lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico – che devono esserne l’oggetto sociale esclusivo o prevalente (tutte le principali informazioni sui requisiti e sui possibili vantaggi a disposizione delle imprese innovative sono riportate anche sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico).

Statup, innovazione multisettoriale

Per le grandi aziende della moda, su tutti i livelli produttivi, l’innovazione tecnologica è tanto importante quanto spesso difficile da sviluppare al proprio interno, perché strutture imprenditoriali tradizionali non sempre sono pronte a tenere il passo al progresso tecnologico di questi ultimi anni.
È sempre più frequente, quindi, che i gruppi di ricerca interni delle grandi imprese cerchino le idee necessarie per la realizzazione di nuovi progetti all’esterno, rivolgendosi a startup tecnologiche specializzate nei più svariati settori.

La ricerca dell’innovazione, infatti, ha fatto emergere anche la tendenza a cercare sempre più la fusione tra ambiti di mercato prima ritenuti ben distinti tra loro, tendenza favorita proprio dal fatto che l’unica caratteristica comune nelle startup innovative è il carattere tecnologico, non essendo prevista dalla relativa normativa alcuna limitazione di tipo settoriale.
Così, l’attenzione per la salute e per l’ambiente è diventato uno dei principali fili conduttori per i possibili progressi nella produzione e nella lavorazione dei tessuti: idee tecnologiche innovative che permettano di sviluppare questo settore di ricerca potrebbero arrivare, ad esempio, tanto da startup della manifattura, quanto da startup farmaceutiche.

Vuoi saperne di più?

Lo Studio Legale Associato Fioriglio-Croari è stato fondato dagli Avvocati Gianluigi Fioriglio e Giuseppe Croari, giuristi specializzati in diritto dell’informatica e delle nuove tecnologie. Lo Studio opera principalmente nel settore dell’Information Technology, del diritto del lavoro, della proprietà intellettuale e industriale nonché della fashion industry.
Oggi ogni azienda deve confrontarsi con le sfide del web e della tecnologia: tali sfide possono essere vinte solo affidandosi a professionisti realmente esperti nel settore.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here