Segnali di ripresa dall’Europa

tessutiL’andamento delle esportazioni e delle importazioni della tessitura italiana nel primo trimestre del 2014 conferma l’inversione del trend negativo registrato nel 2013 e appare in linea con le più generali previsioni degli organismi economici internazionali e del Centro studi di Confindustria. Ci sono segnali di ripresa in Europa, mentre si registrano rallentamenti nelle economie del Far East, Cina e Giappone in testa. I dati presentati in occasione della presentazione della prossima edizione di Milano Unica (dal 9 all’11 settembre 2014) mostrano che per quanto riguarda la tessitura, nel periodo considerato le esportazioni sono complessivamente cresciute del 6%, con l’Europa che cresce del 10,4%, mentre l’export verso i Paesi extra UE si attesta sull’1,1%. Un dato frutto della crescita di tutti i comparti merceologici che compongono la tessitura italiana, ad eccezione dei tessuti di cotone (-1,0%).

All’interno del mercato europeo risultano in forte crescita le esportazioni verso Romania (+20,2%), Spagna (+16,2%), Portogallo (+15,2%), Polonia (+25%) e Bulgaria (+20,5%), mentre, tranne la Gran Bretagna (+5,1%), si registra un andamento piatto verso i nostri più tradizionali riferimenti, Germania e Francia in testa, che restano comunque molto importanti per i volumi e il valore dei loro acquisti.

Tra i Paesi extra UE le buone notizie provengono praticamente solo dagli USA (+16%), mentre presentano un segno meno la Repubblica popolare cinese (-5,5%) e Hong Kong (-3,3%) che durante gli anni più duri della crisi, avevano fatto da parziale camera di compensazione rispetto al crollo dei nostri mercati più tradizionali. Andamento negativo che si accompagna a quello del Giappone (-11,1%).

Da segnalare, poi, anche la crescita delle importazioni (+10%), che indicherebbero anche una qualche ripresa della domanda interna. In testa, in ordine di importanza, troviamo: Cina  (+6,6%) e Turchia (+15,3%), che da sole arrivano al 50% dell’intero valore delle importazioni nel periodo considerato. Da segnalare poi la crescita dell’import dal Pakistan (+28,7%), che si attesta al terzo posto tra i Paesi da cui compriamo tessuti, frutto della sciagurata decisione dell’Europa di azzerargli i dazi di ingresso.

Una filiera molto specifica, ma importantissima nella tradizione tessile-accessori italiana sarà al centro di un’iniziativa nata dalla collaborazione tra Milano Unica e Pitti Immagine che hanno voluto dare vita a Denim Italiano: Italian Denim Makers”. Un progetto speciale dedicato alla filiera del capo lavato italiano e alle sue qualità uniche, alla sua proiezione internazionale e alle nuove opportunità che questo offre al mercato globale di alta gamma. Una mostra-evento pensata per rappresentare un gruppo di aziende italiane e la loro eccellenza produttiva, una filiera tutta italiana, dalla progettazione al capo finito, dall’abbigliamento agli accessori.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Technofashion © 2017 Tutti i diritti riservati