Un progetto centrato sulla sicurezza di personale e luoghi di lavoro, nato dall’esigenza di ridurre i numeri degli infortuni che avvengono in ambito professionale.

È “Smart Jacket”, che a gennaio del 2020 si è aggiudicato quasi mezzo milione di euro (per la precisione, 480.880 €) grazie al bando “Fashiontech – Progetti di Ricerca & Sviluppo per la moda sostenibile”, con cui Regione Lombardia ha voluto finanziare progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla sostenibilità, con un’attenzione particolare anche dal punto di vista etico e sociale.

Grazie ai fondi Fashiontech dunque Allix S.r.l. di Busto Arsizio, impresa capofila, insieme ai partner ACM Solution S.r.l. di Busto Arsizio e PCA Technologies S.r.l. di Pogliano Milanese, stanno realizzando un indumento smart che, tramite l’integrazione con sensori tecnologici, possa essere utilizzato in diversi luoghi di lavoro per proteggere chiunque lo indossi da eventuali pericoli.

Smart Jacket: l’innovazione al servizio della sicurezza

Smart Jacket è un gilet ad alta visibilità che ospita un sistema a elevato valore tecnologico costituito da sacche airbag, microcontrollore e sensori inerziali. Il giubbotto non vuole essere un sostituto dei dispositivi di protezione individuale necessari per legge, ma un’integrazione, come tutela aggiuntiva della salute e della sicurezza dei lavoratori.

Dotare i dipendenti di uno Smart Jacket significherebbe evitare incidenti sia di minor gravità, che comunque possono comportare l’impossibilità a svolgere il proprio lavoro per alcuni giorni, sia di gravità elevata in cui i sinistri possono provocare un’invalidità permanente o, addirittura, la morte.

Ivan Allevi, CEO di Allix

sensori inerziali integrati nel giubbotto descrivono mediante dei segnali temporali i movimenti dell’individuo che vengono trasmessi ed elaborati da un microcontrollore – unità centrale di controllo – mediante un algoritmo sviluppato per rilevare una condizione di caduta prima dell’effettivo impatto al suolo: nell’istante in cui questa circostanza viene individuata il microcontrollore comunica con le sacche airbag del gilet, che vengono immediatamente gonfiate nell’arco di soli 100ms.

Il giubbotto è in grado di agire in prevenzione di differenti situazioni potenzialmente pericolose anche mediante un segnale sonoro di avviso dell’imminente minaccia, che permette così di evitare eventuali rischi senza l’effettivo azionamento degli airbag.

Un giubbotto intelligente per imparare dagli errori

Sicurezza in tempo reale

Smart Jacket esamina e analizza il comportamento del lavoratore, acquisendo ed elaborando in maniera costantemente aggiornata i dati relativi, fornendo così un’analisi completa e dettagliata di ciò che avviene nel contesto lavorativo lungo l’arco dell’intera giornata.

Lo studio dei risultati che ne conseguono è fondamentale per portare alla luce gli errori più comuni che spesso vengono commessi durante lo svolgimento di una determinata attività, rendendo possibile una maggior prevenzione dei comportamenti pericolosi e dannosi.

Ne guadagna anche l’intera organizzazione aziendale in termini di sorveglianza e assistenza virtuale del lavoratore, minuto per minuto, durante il proprio esercizio delle mansioni.Con Smart Jacket il datore di lavoro offre dunque una maggiore tutela risparmiando allo stesso tempo in risorse umane e in interventi esterni, fornendo così una sicurezza incrementata, costante e facilitata”.

Ivan Allevi, CEO di Allix

L’avanzata tecnologia, il controllo totale e regolare dello spazio lavorativo, la prevenzione di infortuni con livelli di criticità differenti, il comfort e la vestibilità, sono elementi chiave dello Smart Jacket che garantiscono la sicurezza in tempo reale e il benessere del lavoratore, nonché un’espansione sostanziale della qualità dell’ambiente lavorativo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here