Il lino è il tessuto più antico del mondo è adesso anche il più fresco, il più verde e il più innovativo. Da aprile 2018, il lino celebra il suo valore e la sua modernità con una serie di eventi speciali al V&A Museum, al Chelsea College of Arts –  nei negozi John Lewis in Oxford Street and Peter Jones in Sloane Square.

Il lino è dappertutto

Coltivato e filato a quasi 200 km da Londra, il lino è un tessuto robusto e intelligente per la moda e gli interni. Il jersey in lino, sviluppato attraverso in maglieria circolare, dona al lino una freschezza e un risalto capace di sorprendere coloro che lo associano alle camicie estive, fresche e colorate.

Le tecniche di prelavaggio ammorbidiscono la rigidità del lino e attenuano le pieghe. Indossato e utilizzato tutto l’anno, il lino si presta a mischie o finissaggi spazzolati che donano una sensazione di calore in inverno. I compositi ottenuti con la fibra di lino sono leggeri e smorzano naturalmente le vibrazioni – qualità ideali per attrezzature sportive quali caschi e tavole da surf, per altoparlanti e chitarre, per componenti auto e mobili.

Versatile e sensibile, il lino è l’eroe di tutti i giorni dalle qualità termoregolatrici, traspirante e ipoallergenico; il lino favorisce il relax e il sonno, e in più, migliora nel tempo.

Fashioned from Nature

Fashioned from Nature, la cui inaugurazione è prevista il 21 aprile, è la prima mostra sulla complessità della relazione fra la moda e la natura. Il lino è il più moderno tessuto naturale indossato e amato dai Fenici, Egiziani e Veneziani, dai soldati delle due guerre mondiali, dagli artisti e amanti dell’arte. Fashioned from Nature accompagna i visitatori in un percorso che inizia dalla storia naturale fino alle nuove frontiere della moda, attraverso tessuti innovativi e nuovi processi di tintura, incoraggiandoli a scoprire cosa si cela dietro le quinte della moda e del complesso percorso che determina la nascita di un indumento. Il lino è presente nelle creazioni di Stella McCartney, John Malkovich e J.W. Anderson, fra i nomi di risonanza mondiale. La CELC, l’ente per il lino, è il maggiore sponsor di questa mostra di riferimento, che durerà fino al 27 gennaio 2019.

I love linen

Il logo I love Linen, un cuore lineare, è un simbolo conosciuto in Europa dopo le campagne di Parigi (2016) e Milano (2017). Nel 2018, Londra conquista i cuori e i suoi negozi sparsi nella capitale testimonieranno la bellezza del lino. Raccolta lungo le coste della Normandia, del nord della Francia, del Belgio e dei Paesi Bassi, la pianta del lino, cresce senza bisogno di essere irrigata, senza OGM e senza lasciare scarti. I semi vengono piantati all’inizio della primavera; dei bei fiori azzurri sbocciano in giugno, e in luglio la pianta è estirpata dalla terra.

Il processo è a misura d’uomo e delicato, e si svolge sotto l’occhio attento del coltivatore e dello stigliatore- che si occupa di separare la parte legnosa della pianta dalla fibra, un processo completamente meccanico. Le fibre grezze sono pettinate in nastri brillanti.  Successivamente, le fibre di origine diversa vengono mescolate, come i migliori Champagne e Cognac, e trasformate in filato, vengono tinte, tessute o lavorate a maglia per diventare tessuto di lino ed in seguito capi di abbigliamento o tessili per la casa. E a fine vita un prodotto di puro lino è biodegradabile.

Dal 13 aprile al 13 maggio oltre 30 negozi in tutta Londra esporranno il logo I Love Linen nelle loro vetrine, su etichette e spillette
. Fra i distributori che partecipano al progetto: John Lewis in Oxford Street e Peter Jones in Sloane Square. Seguirà a breve un’ulteriore lista di punti vendita.

Un tessuto per sempre

Indossato dall’uomo da almeno 38.000 anni, il lino è al centro di un’intensa attività di innovazioni. Al Chelsea College of Arts – gli studenti del terzo anno della laurea in design tessile stanno esplorando la fibra e il tessuto nell’ambito di un particolare progetto creativo. Il lavoro ha un alto contenuto creativo e sarà svelato, di concerto con il V&A, durante la presentazione dedicata al lino di prossima generazione del lino presso il museo.

Verde, creativo e innovativo, il tessuto di lino diventa sempre più morbido e confortevole man mano che viene indossato o lavato. Il colore penetra fino al cuore della fibra, il lino lo cattura e lo mantiene nel tempo. Il tempo e l’utilizzo gli conferiscono una patina che lo valorizza.

Per saperne di più

La Confederazione del Lino e della Canapa – CELC è l’ente che unisce l’industria del Lino Europeo dalla pianta al prodotto finito, dal coltivatore al punto di vendita. Fondata nel 1951, la CELC rappresenta 10.000 aziende in 14 paesi Europei.  Il raggio d’azione della CELC si estende ai confini internazionali stimolando l’innovazione e promuovendo il valore delle fibre naturali con chiari benefici ambientali.  La CELC offre la tracciabilità dell’origine Europea del lino attraverso due marchi: EUROPEAN FLAX® per le fibre coltivate nell’Europa dell’ovest, e MASTERS OF LINEN® per i prodotti 100% Made in Europe realizzati da filatori, tessitori, maglifici e decoratori d’interni.

CONDIVIDI

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here