Macchine tessili: Il 2018 si apre in calo per il settore. Nel primo trimestre la raccolta ordini è diminuita sia in Italia che sui mercati esteri. L’indice degli ordini per le macchine tessili elaborato da Acimit, l’Associazione dei costruttori italiani di macchine tessili, nel periodo gennaio-marzo 2018 è diminuito del 12% rispetto al medesimo periodo del 2017. Il valore dell’indice si è attestato a 104,8 punti (base 2015=100). La flessione ha interessato soprattutto la raccolta ordini sul mercato interno. In Italia, infatti, l’indice ha fatto segnare un valore assoluto di 94,1 punti, vale a dire il 22% in meno rispetto al primo trimestre 2017. Sui mercati esteri il calo è stato più contenuto (-9%) ed il valore assoluto dell’indice pari a 107,2 punti.

Macchine tessili, un settore che soffre dell’instabilità politica

Alessandro Zucchi, presidente Acimit ha commentato: “L’andamento degli ordini ad inizio 2018 non deve preoccuparci. È la conseguenza di un 2017 caratterizzato da investimenti in forte crescita nel settore tessile”. A preoccupare il settore è piuttosto l’incertezza politica che si registra in Italia e le tensioni geopolitiche che permangono in determinate aree del mondo. “Perché le aziende investano, conclude Zucchi, in Italia come all’estero, occorre ripristinare al più presto un quadro politico più stabile. La digitalizzazione del processo produttivo nel settore tessile è stata avviata, ora è necessario che non venga meno il clima di fiducia che ha spinto gli investimenti nel 2017”.

 

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here