La targa verde Acimit ottiene il certificato di conformità RINA

Continua l’impegno di Acimit nella ricerca di soluzioni tecnologiche attente a ridurre i costi di produzione e volte a migliorare l’impatto ambientale. Dopo aver realizzato, all’interno del progetto “Sustainable technologies”, la targa verde, un documento che identifica e chiarisce le performance energetiche e ambientali del macchinario tessile, ha scelto l’Associazione RINA per definirne e validarne il disciplinare per il rilascio. Le aziende aderenti al progetto sono obbligate infatti a seguire un regolamento di attuazione e un’istruzione operativa sulle misurazioni delle prestazioni energetiche/ambientali dichiarate sulla targa verde. RINA non si limita a definire le regole, ma ne verifica anche la corretta applicazione a garanzia della veridicità dei valori di prestazione presenti sulla targa verde ACIMIT. Ogni anno infatti – questo prevede il disciplinare – a campione il 20% delle aziende aderenti al progetto viene sottoposto ad una verifica di sorveglianza da parte di RINA, che controlla le modalità di misurazione dei parametri e le condizioni operative delle macchine oggetto del labelling. Il controllo a campione da parte di RINA delle targhe verdi emesse è la garanzia per tutte le targhe verdi prodotte secondo il disciplinare ACIMIT.

RINA quest’anno ha verificato le targhe verdi di 6 aziende tra le 34 che, ad oggi, hanno la possibilità di utilizzare questo strumento: Flainox, Itema, Jaeggli, Reggiani, Santoni, Tonello. E così lo scorso 25 giugno RINA ha emesso il certificato di conformità del processo di rilascio della targa verde.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here