Dalle calze ai divani: definito l’accordo per le operaie Omsa

    Uno spiraglio di speranza per la crisi dello stabilimento Omsa di Faenza, gruppo Golden Lady. L’impegno del Gruppo è cedere lo stabilimento alla società Atl di Forlì che si impegna a trasferire la propria produzione di divani e ad assorbire parte dei lavoratori oggi in forza all’Omsa. Nel piano industriale di Atl Group è previsto il trasferimento delle unità produttive presenti in due stabilimenti in provincia di Forlì, dopo l’adeguamento impiantistico dello stabilimento di Faenza, con tutti i dipendenti oggi in forza ma anche – l’aumento della capacità produttiva determinata dalle richieste già formalizzate dai propri clienti – l’acquisto di nuovi macchinari e con assunzione di almeno 120 lavoratori ex Omsa. «Abbiamo accelerato l’operatività in questa nuova fase. Puntiamo – ha sottolineato l’assessore Gian Carlo Muzzarelli – a concludere entro aprile tutto l’iter. Quindi credo sia un segno importante delle istituzioni nazionali, regionali e locali che si sono messe in gioco». Regione e Provincia di Ravenna da parte loro, assicureranno le risorse per programmi di formazione professionale al fine di riqualificare il personale ex Omsa.
    Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna, ha sottolineato «Abbiamo aperto una nuova fase da cui ora non si può tornare indietro. Per la prima volta c’è un progetto vero di reindustrializzazione dell’area Omsa: non era una cosa scontata, date le condizioni di crisi in cui agiamo. Occorre un percorso rapido, conservando la compattezza avuta fino ad oggi e mettendo al primo posto il lavoro».

    Nella giornata di ieri è stato chiarito il numero delle riassunte dall’azienda. Saranno 140, non più 120, le ex operaie che verranno assunte in più fasi, a partire dal 1 ottobre con contratti della durata complessiva di 12 mesi.

     

    CONDIVIDI

    1 commento

    1. Nella giornata di ieri è stato chiarito il numero delle riassunte dall’azienda. Saranno 140, non più 120, le ex operaie che verranno assunte in più fasi, a partire dal 1 ottobre con contratti della durata complessiva di 12 mesi.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here